Vai alla barra degli strumenti
Fiera
Editoria per ragazzi,  News

Editoria per ragazzi: i dati del settore e il via alla Fiera di Bologna

L’emergenza sanitaria ha causato danni a molti settori economici, tra cui quello dell’editoria. Gli appuntamenti con la filiera del libro sono stati necessariamente rimandati a data da destinarsi. Per la fiera del libro per ragazzi, l’internazionale Bologna Children’s Book Fair, si è deciso però di tentare una via alternativa: quella digitale, al momento l’unica percorribile per restare vicino ai lettori.

Bologna Children’s Book Fair: come si svolgerà la fiera in digitale

La fiera si svolgerà online sulla piattaforma dedicata (inaugurata in occasione della scorsa Giornata Mondiale del Libro), con tanti appuntamenti previsti da oggi al 7 maggio. La Online Special Edition non rinuncerà alla consueta Mostra degli Illustratori, né alle interviste con gli autori, ai premi e agli approfondimenti di ogni genere (tra cui un omaggio a Gianni Rodari e alcuni focus dedicati alla situazione editoriale generata dal Coronavirus).

Fondamentale è poi, senza dubbio, la Bologna Children’s Book Fair Global Rights Exchange per lo scambio dei diritti online. L’hub permetterà infatti ai 1500 espositori registrati precedentemente alla fiera di non perdere l’occasione di presentare i loro titoli, nonché di incontrare virtualmente gli altri partecipanti per fare e ricevere eventuali offerte.

Il mercato attuale dei libri per ragazzi: alcuni dati

La BCBF offre sicuramente una grande occasione di comprensione del mercato editoriale rivolto ai bambini e ragazzi. Perciò, noi masteristi siamo pronti a seguirla anche in questa modalità a distanza e a riportarne le notizie più interessanti. Prima di cimentarci in questo reportage un po’ singolare, abbiamo però deciso di fare il punto della situazione, rinfrescando alcuni recenti dati.

Stando alle indagini dell’AIE, il 2019 si è chiuso in positivo per questo segmento editoriale. Sono stati infatti venduti all’estero 3.342 titoli, contro i 3.074 dell’anno precedente. La vendita internazionale dei diritti ha registrato un +8,7%, mentre i titoli acquistati sono stati 1.959.

L’affermazione sembra piuttosto certa: nel 2019 il settore, con un +3,4% di crescita, si è confermato centrale nel mercato del libro. Lo scorso anno ha raggiunto un valore di 246,7 milioni di euro.

Primi dati dall’estero

Quel che sarà da analizzare, però, è l’andamento dell’editoria per ragazzi nel 2020. Nel mese di marzo, la Germania ha già riscontrato un calo delle vendite di libri per bambini e ragazzi pari al -18,4% rispetto allo stesso mese nel 2019. L’Austria ha invece registrato un calo del genere, nel periodo corrispondente, meno preoccupante: -1,2%.

Possiamo ipotizzare una situazione analoga anche per l’Italia? Al momento la condizione del mercato è senza dubbio incerta e difficile, ma la voglia e l’intenzione di ripartire ci sono e si sentono. Senza dubbio la BCBF ci aiuterà a riflettere anche su questo.

Francesca Aliperta