Edizioni Santa Caterina

Non fate troppi pettegolezzi – Visto si premi

Pavese

“Nel 1950 La bella estate di Cesare Pavese vince lo Strega. Lo scrittore raggiunge l’apice del successo letterario, ma qualche mese dopo decide di togliersi la vita. Ripercorrendo i mesi che vanno dalla serata della premiazione al suicidio tramite lettere e pagine del diario risulta facile capire che Pavese vede il trionfo come qualcosa di effimero e inconsistente.”

Questo saggio intende indagare il mondo del successo letterario con gli occhi di un uomo che ha sempre vissuto la letteratura come una missione civile, tenendosi ben lontano da pettegolezzi e vanità. Il premio Strega, il massimo trionfo, viene descritto da Pavese come qualcosa di poco conto, che non riuscì a concedere neanche un po’ di pace al suo cuore di uomo inquieto.

Martina Milano

Vai alla barra degli strumenti