Vai alla barra degli strumenti
maestro Rodari
Editoria per ragazzi,  News

Omaggio al Maestro della Fantasia, Gianni Rodari

Il 2020 è un anno da ricordare per molte cose. Una di queste è un triplo compleanno molto speciale: quello di Gianni Rodari, il Maestro della Fantasia.

Ricorre proprio quest’anno il centenario della sua nascita, avvenuta il 23 ottobre 1920 sulle sponde del Lago Maggiore. Inoltre sono passati già cinquant’anni (era il 1970) da quando Rodari ha vinto, unico italiano fino ad ora, il Premio Hans Christian Andersen per la Letteratura per Ragazzi. Il terzo anniversario che ricordiamo, con un velo di tristezza, è invece quello della sua morte, avvenuta il 14 aprile 1980.

Il Maestro

Gianni Rodari fu un favolista, un giornalista, un maestro elementare. Le sue storie, da quelle brevi, come le famose Favole al Telefono, a quelle più lunghe, come C’era due volte il barone Lamberto, hanno segnato la vita di innumerevoli ragazzi, che ancora ricordano le sue parole. Il ricordo più bello è quello dei suoi insegnamenti, sempre validi, tra cui questo, molto significativo: “L’importante è raccontare, parlare, non fare vincere il silenzio”.

Rodari con i suoi giochi, accompagnati da storie ricche di nonsense, ha permesso a milioni di bambini, attraverso il racconto frutto di libera fantasia, di crescere e prendere vera coscienza di sé stessi e del mondo che ci circonda.

L’omaggio

In occasione dell’edizione speciale della Bologna Children’s Book Fair è stata inaugurata la mostra Illustrators for Gianni Rodari. Italian Excellence, che sta già facendo il giro (virtuale) del mondo, in attesa di essere esportata fisicamente negli altri paesi.

Questa, organizzata con il patrocinio della Regione Emilia-Romagna e di The Italian Cultural Institute of San Francisco, presentata da Elena Pasoli e da otto video-pillole di alcuni illustratori in esposizione, è visitabile nella Galleries di BCBF. In questa sezione è possibile passeggiare virtualmente tra diverse esposizioni, che resteranno disponibili online fino al 7 maggio, giorno di chiusura della fiera.

L’idea iniziale era di celebrare l’anniversario di Gianni Rodari all’interno dei padiglioni della fiera, oltre ad avere in programma numerose altre iniziative, eventi purtroppo irrealizzabili data la situazione attuale. Per questo motivo i festeggiamenti previsti per quest’anno saranno quindi posticipati al 2021, e noi avremo tutto il tempo di festeggiare insieme il grande narratore.

Parlano gli illustratori

Innovativo, universale e ancora fortemente attuale, il lavoro di Rodari rimane una inesauribile fonte di ispirazione per numerosi artisti.

Tra coloro che hanno voluto condividere un pensiero su Rodari, Federico Maggioni (C’era due volte il barone Lamberto, 1992) ha posto l’attenzione sul grande rapporto tra lo scrittore e Bruno Munari, suo più proficuo disegnatore. Insieme a lui abbiamo avuto il piacere di ascoltare altri grandi illustratori, come Elenia Beretta e Chiara Armellini, Anna Laura Cantone, Pia Valentinis e Beatrice Alemagno, Olimpia Zagnoli che ci hanno raccontato del loro incontro con Rodari attraverso le sue storie.

Ma sono le parole di Giulia Orecchia che chiariscono come mai il grande Maestro sia così beneamato ancora oggi: «Quando la casa editrice mi ha proposto di illustrare un libro di Rodari, sono stata molto felice. Da bambina ero abbonata al “Corriere dei Piccoli”, e Rodari compariva sempre, con piccoli racconti e articoli. Era uno degli autori che amavo di più, con il suo umorismo surreale e affettuoso, molto in sintonia con il mondo dei ragazzi – che era anche il mio – di allora, perché prevedeva libertà, democrazia e impegno civile».

Aspetti che ancora oggi le storie di Rodari sanno insegnare e ricordare. Per non dimenticare mai il potere della fantasia.

Elisa Bernardi
Credits: Bologna Children’s Book Fair

 

 

 

Per vedere con i vostri occhi le 63 tavole illustrate delle fantastiche storie di Gianni Rodari, cliccate QUI