Paolo
Edizioni Santa Caterina

L’eco del successo – Visto si premi

Paolo“Negli ultimi anni abbiamo assistito a due fenomeni editoriali che, in maniera diversa, si sono guadagnati l’appellativo di long seller. Il primo è La solitudine dei numeri primi, con il quale il giovane esordiente Paolo Giordano è entrato prepotentemente nel novero degli scrittori-da-milioni-di-copie; più recentemente, Paolo Cognetti ha scalato le vette delle classifiche italiane e straniere con le sue Otto montagne riportando in auge il filone montano”.

Entrambi i libri sono stati successi conclamati fin dalla loro uscita. Con la vittoria del premio Strega (rispettivamente nel 2008 e nel 2017) la loro fama e le loro vendite hanno avuto un’impennata senza eguali. Oltre al valore letterario che un libro deve necessariamente avere per raggiungere traguardi simili, è necessaria anche una strategia comunicativa ad hoc, che garantisca la risonanza dovuta.

Ho chiesto ai due autori di raccontarmi in prima persona come hanno vissuto questo particolare momento della loro carriera, cercando di confrontare, anche attraverso l’analisi della rassegna stampa e dei dati di vendita, analogie e differenze tra la promozione messa in atto dall’uscita del libro fino alla vigilia del premio Strega e quella successiva alla vittoria.

Come è noto, il cosiddetto “effetto Strega” ha un forte impatto sul numero di copie vendute, ma c’è di più. Ha rappresentato per entrambi un importante traguardo personale: l’affermazione della propria identità di scrittore. E anche per questo, parlare di premi non è mai stato così intrigante.

Beatrice Toresi

La puntata precedente: Il caso Gavino Ledda – Visto si premi

Vai alla barra degli strumenti