leonardo copertina
Recensioni

Leonardo in una tasca – Recensione

«Cosa bella mortal passa e non dura».

Leonardo da Vinci

Di certo Leonardo non poteva sapere che, a distanza di secoli, le sue opere sarebbero state ancora studiate e ammirate in ogni angolo del mondo.

In occasione del cinquecentesimo anniversario della sua morte, moltissime iniziative offrono approfondimenti su ogni sfaccettatura del genio toscano; il variegato patrimonio che ci ha lasciato testimonia la sua indole estremamente eclettica e i molteplici interessi, dall’architettura alla pittura, dall’anatomia all’idraulica. Il particolare carattere di Leonardo lo ha portato a prediligere una scrittura concisa e sentenziosa: ci ha lasciato, infatti, solo frammenti, appunti e idee di carattere vario, spesso non conclusi ma nella maggior parte dei casi chiari e lapidari. Per celebrare questa ricorrenza il catalogo di Interlinea ci propone una selezione dei più eloquenti aforismi, delle massime e delle frasi celebri, accompagnata da alcuni disegni tratti dai suoi codici. Questo è Amore ogni cosa vince. Segreti di vita e di bellezza.

copertina leonardo

Quello che sorprende, scorrendo le pagine, è l’estrema attualità di alcune sentenze, indice della spiccata sensibilità di chi le formula nel cogliere aspetti così tipici dell’indole umana da essere eterni. Affermazioni come «Chi poco pensa molto erra» o «Chi vuole essere ricco ’n un dì, è ’mpiccato ’n un anno» hanno carattere universale, tanto da risultare attuali in qualsiasi momento storico. Il genio di Vinci riflette sulla caducità della vita umana – «Passano nostri triunfi, nostre pompe» – e su come l’unico modo per contrastarla sia vivere bene e a fondo, «La vita bene spesa lunga è». Egli ha inoltre il merito di aver compreso prima di ogni altro che l’esperienza è fondamento della conoscenza, «La sapienza è figliola della esperienza…», e che quindi alla base di ogni nostra riflessione ci sia la percezione sensoriale, «Ogni nostra cognizione prencipia da’ sentimenti». La visione del mondo di Leonardo porterà a una rivoluzione culturale che segna, di fatto, l’inizio dell’età moderna. È sufficiente scorrere il sommario del libricino per comprendere come sull’esperienza si basi tutto il suo pensiero: egli riflette sul tempo, sul rapporto tra anima e corpo – «[…] L’anima desidera stare col suo corpo, perché sanza li strumenti organici di tal corpo nulla può operare né sentire» –, sulla forza che genera il movimento dei corpi e su molto altro ancora.

Il testo è corredato di un’autorevole introduzione di Gino Ruozzi, curatore dell’opera e specializzato nelle forme brevi della tradizione letteraria italiana ed europea (aforismi, pensieri, massime, epigrammi ecc.). Professore di Letteratura italiana all’Università di Bologna, propone un brillante approfondimento sulla vita di Leonardo e sulla sua illustre epoca, che ha visto all’opera personalità come Botticelli, Machiavelli e Manuzio, punte di diamante del patrimonio artistico italiano.

La casa editrice novarese riesce nell’intento di delineare uno dei pensatori più conosciuti e studiati al mondo solo attraverso le frasi e i disegni che più lo rappresentano. Emblematica è la scelta di inserirlo in una collana, Alia, che dal 1995 propone testi di letteratura e cultura varia da un punto di vista originale e in una veste unica, un formato tascabile 12×16 cm. Il risultato è un densissimo compendio che ha il pregio di riflettere l’estrema versatilità del pensiero di Leonardo, a portata di tasca.

Potrebbe interessarvi anche: http://www.mastereditoria.it/ilblog/i-sommersi-e-i-salvati-dellera-social/

Beatrice Toresi

Vai alla barra degli strumenti